lunedì, marzo 01, 2010

01/03 - Abstracts

AMERICANI «Quando ho preso il passaporto americano sono diventato un americano con origini italiane. Non è come da noi. Se un turco prende il passaporto in Italia, non diventa italiano, ma un turco con il passaporto italiano. L’americanitudine, invece, è un qualcosa che ti ingloba» (Francesco Bonami, curatore della settantacinquesima Biennale del Whitney Museum di New York) (Enrica Brocardo, Vanity Fair 3/3).

MAFIA Il Museum of American Gangster, dedicato ai mafiosi americani, aprirà a Manhattan il 7 marzo all’interno dello storico Theatre 80 (St. Marks Place), ex bar gestito dalla mafia ucraina dove si esibì anche Frank Sinatra. Ai visitatori saranno offerte lezioni di gergo da gangster. In programma anche i mob tour, gite turistiche con visite guidate dei luoghi storici dove avevano sede le storiche organizzazioni criminali newyorkesi. Uno dei più popolari, “Nascita del crimine organizzato a New York”, è una camminata di tre ore nel Lower East Side, partendo dal quartier generale della Five Points Gang di Paul Kelly fino alla casa della Eastman Gang (Benedetta Perilli, la Repubblica 22/2).

ROTUS Robert Boguslaw, uno dei tre pianisti ufficiali della Casa Bianca, frequenta la sede presidenziale almeno due o tre volte a settimana. Più di duemila ogni giorno i visitatori, 112 gli appuntamenti per l’amministrazione, 58 i meeting dello staff, 385 gli incontri tenuti personalmente dal presidente ogni anno. A smistare gli ospiti è Darienne Page, ex veterana dell’Iraq, soprannominata dal presidente Rotus (Receptionist of the United States, mentre il Presidente è Potus, President of the United States): fa entrare i primi turisti alle 7.30. Lo scorso anno cinque milioni e mezzo di persone hanno fatto richiesta per visitare la Casa Bianca (Angelo Aquaro, la Repubblica 22/2).

PAPARAZZI Felice Quinto, paparazzo simbolo della Dolce Vita. Iniziò la carriera a Roma nel ’56, imparando a fotografare per necessità: «Non vengo da nessuna scuola. Ho imparato tutto quello che so perché avevo bisogno di mangiare. E perché amavo quello che facevo». Girava su una moto Guzzi rossa munito di Rolleiflex. La sua definizione di paparazzo: «Uno che vuole rompere le palle». Fellini gli offrì il ruolo del fotografo della Dolce Vita, proponendogli 10.000 lire al giorno, ma lui rifiutò. Nel 1960 si beccò una ginocchiata da Anita Ekberg per averla inseguita e paparazzata. È morto di polmonite in un ospedale di Rockville, il 17 gennaio di quest’anno (Pierangelo Sapegno, La Stampa 23/2).

LEGGENDE False leggende che circolano in Inghilterra: c’è una sola foto che ritrarrebbe Hitler da bambino (in realtà ritrae l’americano John May Warren); i francesi si nutrono di latte di topo; Microsoft ha tentato di comprare la Chiesa Cattolica. Leggende vere: esistono i ragni giganti (i “ragni cammelli”, che vivono in Iraq) ma anche i gatti giganti (Sassy, un tabby americano che pesa 18 chili) e in India si vende la pipì di mucca a scopi curativi (Laura Powell, dailymail.co.uk 22/2).

DIMENTICATI Rudyard Kipling, autore del Libro della giungla, scrisse il suo capolavoro in uno chalet nel Vermont, rimesso a nuovo da poco: conserva ancora le sue mazze da golf e un’edizione fac-simile dell’Encyclopedia Britannica del 1891 donatagli da Robert Louis Stevenson. A marzo inizieranno anche i lavori di restauro del bungalow di Bombay, in India, dove lo scrittore nacque e visse fino all’età di sei anni: diventerà un museo, ma non dedicato a Kipling. In India non esistono monumenti, targhe, commemorazioni dedicate a Kipling, un «colonialista bianco». Secondo Sharad Keskar, presidente della Kipling Society, «in India c’è un establishment abbastanza ignorante, che non sa niente di Kipling se non che era un imperialista o comunque un esponente dell’Impero» (Michele Farina, Corriere della Sera 22/2).

INDIGENI Gli indigeni sono circa 370 milioni di persone, un ventesimo della popolazione mondiale. Tra di loro il suicidio è molto diffuso: il tasso di suicidio fra gli eschimesi è dalle cinque alle sette volte superiore rispetto alla media canadese, quello fra gli indios guaranì è dieci volte più alto di quello degli altri brasiliani. In pericolo anche aborigeni australiani e yanomani venezuelani, la cui mortalità va da 76 a 250 casi ogni mille nascite (la media nazionale è 19): sempre fra gli yanomani, nel 2004 l’incidenza della malaria era 70 volte superiore alla media venezuelana. Il popolo che soffre più di diabete è quello degli indiani pima dell’Arizona, con un’incidenza del 50% fra i trentenni. In tutto il mondo più del 50% degli indigeni sopra i 35 anni presenta un diabete di tipo due (Daniele Zappalà, Avvenire 21/2).

SCIMPANZÉ Zhora, scimpanzé di dieci anni, alcolizzato. Sarà mandato dallo zoo di Rostov, dove risiede, in un centro di disintossicazione da alcol e tabacco a Kazan: a rovinarlo sono state birre e sigarette offertogli dai visitatori dello zoo. Quando è in astinenza da birra piange, diventa aggressivo e non riescono a calmarlo nemmeno le sigarette. Lo scimpanzé era stato acquistato dallo zoo cinque anni fa ed è il maschio preferito dagli esemplari femmina della sua specie (Nicola Lombardozzi, la Repubblica 27/2).

CONIGLI In Australia ci sono dieci miliardi di conigli. Nel 1859, quando furono importati dai coloni, erano 24 (Vanity Fair 3/3).

CAVALLI Le nuove regole per le botticelle che trasportano turisti in giro per Roma: vietate le strade in salita per non affaticare i cavalli, obbligo di targa, orario di servizio non superiore alle otto ore. L’Enpa (Ente nazionale protezione animali) ricorda che le targhe non tutelano la salute dei cavalli (ansa.it 22/2).

CANI Giant George, il cane più lungo del mondo, è un alano che misura 220 centimetri di lunghezza dalla testa alla coda ed è alto 109 centimetri dalla spalla alla zampa. Vive a Tucson (Arizona) con il padrone, David Nasser (ansa.it 23/2).

MEDAGLIE Treo, labrador nero di otto anni, è stato impiegato in Afghanistan come sminatore. Il 24 febbraio ha ricevuto la Dickin Medal, la massima onoreficenza che si possa assegnare agli animali britannici che si sono distinti per merito in guerra. Finora la medaglia è stata assegnata a 63 animali, fra cui 32 piccioni viaggiatori, 27 cani, tre cavalli e un gatto (Alessandro Carlini, Libero 25/2).

SPIAGGE Fido Lido, la prima spiaggia solo per cani. Sarà costruita a Trieste vicino al Molo Balota: su un’area di circa 20.000 metri quadri sorgerà uno stabilimento balneare da 6.000 metri attrezzato con 30 piazzole sopraelevate con lettini sdraio, ombrellone e tavolino, 10 cabine spogliatoio e una decina di docce a gettone. Sarà aperto tutto l’anno. I servizi offerti: bar, doccia calda, vendita di cibo, dogsitter ad ore e giornaliero, veterinario (blitzquotidiano.it 23/2).

ROBOT L’esercito americano sta reclutando muli robot: si chiamano LS3 (Legged squad support system) e sono stati commissionati dalla Darpa (Defense advanced research project agency). Sono in grado di trasportare carichi da 181 chili per circa 32 chilometri su ogni tipo di terreno e a pieno carico pesano circa 570 chili. Marc Railbert, ex professore del Mit di Boston oggi a capo di Darpa, ha sviluppato l’LS3 come evoluzione di Big Dog, cavallo meccanico di 75 chili che quando percorre terreni scoscesi attiva automaticamente sensori di equilibrio. Claudio Semini dell’Iit (Istituto italiano di tecnologia) sta assemblando HyQ (Hydraulic Quadruped), cyber-San Bernardo di 90 chili, progettato per individuare i dispersi dopo catastrofi naturali (Paola Caruso, Corriere della Sera 23/2).

FUSIONI Avatar (Advanced virtual and technological architecture research laboratory) è alla ricerca di materiali che fondano «gli ambienti costruito e naturale, in modo tale che l’energia e l’informazione possano fluire liberamente tra l’architettura e la biosfera, come parte di un unico processo». Rachel Armstrong, ex medico che insegna alla Bartlett School of Architecture dello University College di Londra, vuole realizzare protocellule sintetiche dalle quali potrebbero svilupparsi strutture coralline. «Nel prossimo futuro l’architettura sarà viva. I muri delle case, rivestiti di alghe, potrebbero allora smaltire l’inquinamento e perfino ristrutturarsi da soli grazie all’accelerazione di una reazione chimica» (Leonardo Servadio, Avvenire 21/2).

lunedì, febbraio 22, 2010

22/02 - Abstracts

NOMADI I Gadulia Lohar (il nome deriva da gaadi, “carro”, e lohar, “fabbro”) in passato forgiavano armature per i sovrani induisti, oggi vivono accampati vicino a piccoli villaggi. In India ci sono circa 500 gruppi nomadi, per un totale di 80 milioni di persone, il 7% della popolazione (oltre un miliardo) (John Lancaster, National Geographic febbraio 2010).

OSSA A Padova i fedeli che vanno in processione per assistere all’ostensione delle ossa di Sant’Antonio sono 2.000 ogni ora (blitzquotidiano.it 17/2).

ORGANI L’Italia è uno dei Paesi europei con il più alto tasso di donatori d’organi, circa 1.200 all’anno: ha 21 donatori ogni milione di abitanti (seconda solo alla Spagna, 34). Ad opporsi alla donazione sono 30 famiglie su 100, soprattutto nel Sud Italia (in Spagna sono 15). Presto si potrà esprimere il consenso all’espianto degli organi direttamente sulla carta d’identità (Gente 23/2 ; Margherita De Bac, Corriere della Sera 20/2).

DISTORCERE La maggior parte dei genitori di bambini in sovrappeso ritiene che questi siano perfettamente normali. A 800 genitori sono stati chiesti peso e altezza dei figli e come vedessero sé stessi e i propri figli: mentre sono stati obiettivi sul proprio aspetto, hanno in molti casi distorto quello dei figli percependoli più magri di come fossero in realtà. Il 75% dei genitori era convinto che i figli sovrappeso fossero normopeso (Elena Meli, corriere.it 18/2).

RAZZISMO Il 45,8% dei giovani italiani è prevenuto o razzista nei confronti degli stranieri. Gli xenofobi convinti non superano il 20%. Su Facebook ci sono più di 1000 gruppi razzisti italiani, che contano fino a 7.000 iscritti. I giovani trovano simpatici gli europei, gli italiani del Sud e gli americani, mentre trovano antipatici rom e sinti, romeni e albanesi (Corrado Giustiniani, Il Messaggero 19/2).

INTEGRATI Brune Seban, 29 anni, metà francese e metà italiana, ed Elisabetta Hagos, 31 anni, nata a Roma da padre etiope e madre eritrea: vivono entrambe al Pigneto, una zona di Roma est. Nella capitale, gli immigrati appartengono a 190 nazionalità diverse e il tasso d’immigrazione è del 10,3%. Solo nel sesto municipio, che include il Pigneto, raggiunge l’11,5% (Giulia Calligaro, Io donna 20/2).

STRANIERI L’identikit dell’immigrato in Europa: età compresa fra i 20 e i 40 anni, poco qualificato ma molto attivo, soprattutto nel settore edile. In Spagna i residenti stranieri sono l’11,7% della popolazione, in Germania l’8,2%; in Francia il 23% della popolazione discende da immigrati, mentre in Gran Bretagna gli stranieri residenti sono più del 6,3%. A Barcellona, il distretto più abitato da immigrati è Ciutat Vella (più del 20% della popolazione). A Berlino gli stranieri sono concentrati a Neukolln e la comunità più consistente è quella turca, composta da due milioni di persone. A Londra, invece, molte etnie sono concentrate nel distretto di Lambeth. In Francia il ministro dell’Immigrazione Eric Besson vuole creare aree speciali per gli immigrati in attesa del permesso di soggiorno (Sara Bianchi, Il Sole 24 Ore 16/2).

HALAL A Roubaix (Francia), in un fast-food Quick in pieno centro città, tutti gli hamburger sono halal, rispettosi delle norme islamiche: tacchino affumicato al posto della carne di maiale, mentre quella bovina è trattata secondo le norme halal. Quick, una delle maggiori catene francesi di fast-food, lo scorso dicembre decise di lanciare una gamma di prodotti halal: un esperimento di sei mesi limitato ad otto punti vendita del Paese. Il sindaco di Roubaix, il socialista Renè Vandierendonck, ha protestato: «L’offerta halal non mi dà nessun fastidio, ma quando si propone solo questo diventa discriminatorio» (Il Giornale 18/2).

PIZZA Le caratteristiche della pizza certificata Stg (Specialità tradizionale garantita): mozzarella fusa in superficie, aglio e basilico non bruciati ma profumati, pomodoro denso e consistente, cornicione dorato e rialzato di 1-2 centimetri, spessore al centro compreso tra 0,36 a 0,44 centimetri. La temperatura degli ingredienti all’uscita dal forno: pasta 60-65°, pomodoro 75-80°, olio 75-85°, mozzarella 65-70° (Saverio Fossati, Il Sole 24 Ore 18/2).

BANANE DjNeff, l’art director statunitense che è stato incaricato di ridisegnare il logo delle banane Chiquita. Fra le alternative alla storica donnina con la frutta in testa, una foca, un wrestler e una scimmietta. Il primo logo Chiquita fu ideato negli anni Quaranta dall’illustratore Richard Browne (C.D.L., Sette 18/2).

PAROLE I buoni lettori colgono dalle 400 alle 500 parole al minuto. Il processo della lettura inizia nella fovea, una piccolissima area nella retina che mette a fuoco lettera per lettera costringendo l’occhio a leggere a balzi: questi balzi, detti “saccadi” comprendono dalle sette alle nove lettere. Negli anni Settanta si è scoperto che fra una saccade e l’altra la fovea legge 10-12 lettere: tre o quattro a sinistra, sette o otto a destra (Amelia Beltramini, Focus febbraio 2010).

LINGUE In Italia, secondo lo studioso Francesco Avolio, ci sarebbero 8.000 dialetti, se non 10.000. Secondo l’Atlante mondiale delle lingue in pericolo, 31 sono equiparati a lingue, di cui quattro in serio pericolo (croato-molisano, greco, alemanno e guardiolo) e cinque a rischio (veneto, siciliano, napoletano, bavarese e alto alemanno). Lo Stato italiano riconosce lo status di lingua solo a due dialetti: il sardo e il friulano (Simona Verrazzo, Vanity Fair 24/2).

SPAGNOLO Maurizio Carlotti, vicepresidente della tv madrilena Antenna 3, è convinto che lo spagnolo sia la lingua della comunicazione del futuro: «Come il francese è stato il codice della diplomazia internazionale nell’Ottocento, e come poi nel Novecento l’inglese si è rivelata la lingua degli affari globali, il castigliano (lo spagnolo) sarà l’idioma del futuro. Forte di un dato numerico: ci sono al mondo 500 milioni di persone che lo parlano» (Enrica Roddolo, Il Mondo 19/2).

LATINO Il latino, una lingua molto insegnata negli Stati Uniti. Due esempi: la Latin School di Boston, scuola pubblica, è stata fondata nel 1635 e ha formato le classi dirigenti americane, da Franklin alla dinastia Kennedy. La Latin School di Brooklyn, voluta dal sindaco di New York Bloomberg, anch’essa pubblica. Secondo il preside Jason Griffiths, oggi imparare il latino ha senso perché «insegna a ragionare» e «insegnare a pensare criticamente è lo scopo della scuola» (Rino Cammilleri, il Giornale 20/2).

COLEOTTERI Le medaglie dell’Olimpiade di Vancouver (Canada) sono prodotte in una lega di metalli, circuiti e tubi catodici fusi. Le navette per gli spostamenti dalla città alle piste sciistiche sono totalmente alimentate a idrogeno, il tetto del centro olimpico cittadino è realizzato in pino recuperato dopo essere stato devastato da un coleottero, il Dendroctonus Ponderosae. Nel 2006, l’Onu definì Vancouver la «città più vivibile del mondo» (Massimiliano Panarari, il venerdì di Repubblica 19/2).

CANI La “doggy dancing”, la danza col cane, è una disciplina nata in Canada nel 1989. Con 15 minuti di allenamento giornaliero, i cani possono imparare a ballare con i propri padroni. La musica più adatta è quella rock o classica. Alle competizioni di dog dancing possono partecipare tutti i cani, a prescindere da età e razza (Roberta Maresci, Libero 20/2).

LEONI Nel solo distretto di Laikipia, a 200 chilometri da Nairobi (Kenya), negli ultimi due anni la presenza dei leoni è diminuita del 12% a causa della siccità. Negli ultimi dieci anni è morto il 30% dei leoni africani. Per fermare la morìa, l’associazione Living with lions ha attivato il progetto Lion conservation, che mira a rendere rintracciabili tutti gli esemplari alfa dei branchi (maschi e femmine dominanti), applicandogli collari speciali (Mariangela Latella, Il Messaggero 18/2).

FAUNA Il parco naturale di Gorongosa (Mozambico), considerato il parco africano più ricco per biodiversità, per colpa della guerra civile (1975-1992), ha perso il 90% della fauna. Il filantropo Gregory Carr, in accordo col governo locale, vuole far tornare il parco un’oasi naturale: al progetto lavorano 400 persone e sono stati stanziati 40 milioni di dollari (Dedo Tortona, il venerdì di Repubblica 19/2).


[Il Foglio del lunedì, 22/02/10]

mercoledì, febbraio 17, 2010

15/02 - Abstracts

PSICHE A 15 milioni di italiani capita, nel corso della propria vita, di ricorrere a psichiatri e neurologi o di assumere psicofarmaci. Un milione soffre di schizofrenia o disturbi mentali: dalla depressione grave agli squilibri di personalità (Mario Pappagallo, Corriere della Sera 13/2).

CARIE Un italiano su 10 ha la bocca sana. Per eliminare le carie, tra quattro o cinque anni sarà possibile usufruire, anziché del trapano, di un gas plasma freddo che, spruzzato sulla zona cariata, riduce di diecimila volte la carica batterica: più è lunga l’applicazione, più batteri si eliminano. Il gel si ottiene stimolando con un campo elettromagnetico il perossido d’idrogeno (acqua ossigenata), e oggi è impiegato per sterilizzare gli strumenti chirurgici sensibili al calore (Annamaria Messa, la Repubblica 9/2).

OROLOGIO L’orologio ideato dal National Institute of Standards di Boulder (Colorado) è talmente preciso da perdere un secondo ogni 3,7 miliardi di anni: questo perché è un dispositivo ottico basato sulle oscillazioni di atomi di alluminio, che avvengono sulle frequenze della luce e non nello spettro delle microonde (Avvenire 10/2).

PESO Un panettone intero ha 2.800 calorie. Per bruciarle tutte bisognerebbe sollevarlo come fosse un peso per 12 ore di fila (Men’s Health febbraio 2010).

LUPI Nel 2008 nel Parco della Maiella i lupi hanno depredato 99 ovini. Ogni pastore può ricevere, facendo regolare denuncia alla Guardia forestale, un risarcimento per ogni pecora, che varia a seconda di razza, età, peso ed eventuale stato di gravidanza (Lizette Pater, National Geographic Italia febbraio 2010).

PECORE/1 In Sardegna ci sono 460.000 pecore. Grazie a Iesa (Identificazione elettronica in Sardegna), saranno controllate in tempo reale: il sistema consiste nel posizionare nel secondo stomaco (gli ovini, in quanto ruminanti, hanno più stomaci) una capsula in grado di trasmettere via Bluetooth a un terminale il codice identificativo di ciascuna pecora (Max febbraio 2010).

PECORE/2 In Kirghistan ci sono 4,2 milioni di pecore. Il vice primo ministro del Paese Akylbek Japarov ha dichiarato che verranno dotate di passaporto elettronico, allo scopo di combattere eventuali epidemie (Vanity Fair 17/2).

SCOMPARIRE Oggi, in Italia ci sono 138 specie a rischio, di cui il 92% appartiene al regno animale, l’8% a quello vegetale. Sul nostro territorio sono presenti circa 57.000 specie animali e oltre 6.700 specie vegetali (Stefania Martorelli, National Geographic febbraio 2009).

POLIGAMIA Joe Jessop, 88 anni, americano, vive a Hildale (Utah) con cinque mogli, 46 figli e 239 nipoti. È uno dei membri anziani della Chiesa fondamentalista di Gesù Cristo dei Santi degli ultimi giorni (Flds), comunità religiosa che si è separata dalla Chiesa mormone dopo la proibizione della poligamia (National Geographic febbraio 2010).

SORELLE Il BigSister di Praga è il club erotico più famoso d’Europa: per entrare bisogna prenotarsi via e-mail. Ai clienti viene fatto firmare un contratto che dà diritto ad una delle ragazze del locale a patto che si dia l’autorizzazione a farsi riprendere in un video che poi sarà messo in vendita online su bigsisterlive.com. I video caricati sul sito sono 16.000, girati con 24.000 clienti in due anni (Antonio Armano, IL febbraio 2010).

BADANTI Mirella Kaplun, 60 anni, badante di professione, che ha posato nuda per un calendario. Abita con il marito a Miane (Treviso), e per tenersi in forma fa tanta cyclette. La sua giornata tipo: «Come tantissime donne, mi alzo alle sei e un quarto, mi preparo, bevo un caffè e vado a lavorare. Il primo utente, se mi va bene, devo alzarlo, dargli le pastiglie e curargli le piaghe. Ma nella maggioranza dei casi devo lavargli anche il sedere, e cambiargli le lenzuola. È così da 18 anni e questo lavoro lo faccio con amore e serietà». Il ricavato dalle vendite del calendario andrà a chi si occupa di malati terminali (A. F., La Tribuna di Treviso 11/2).

SCARPE Darlene Flynn, californiana, possiede 12.500 paia di scarpe, fra calzature e gadget che le rappresentano. Entrò nel Guinness dei primati nel 2006, quando ne possedeva 7.765 (Vanity Fair 17/2).

COSTUMI Il peso dei costumi di scena indossati da Cristiana Capotondi per interpretare Sissi imperatrice d’Austria: 15 chili tra diademi e parrucche, associati a otto-dieci metri di strascico per ogni abito (Mirella Serri, Sette 11/2).

NOSTALGICI I mod sono individui che vivono la propria vita secondo i dettami degli anni Cinquanta e Sessanta: dagli abiti alle vetture, dalla musica all’arredamento. Il dress code da rispettare per essere ammessi a un raduno mod: per gli uomini, giacche a tre bottoni con maniche non troppo lunghe e colletto sottile correlate di cravatta stretta e scarpe da bowling (o, in alternativa, Clarks modello “desert shoes”), vietati i calzini bianchi. Per le donne, abitini cortissimi a tinta unita, pois, quadretti o righe, vietate le fantasie psichedeliche (Carlotta Sisti, Gioia 13/2).

VIDEOGIOCHI Il primo videogioco fu creato nel 1947 da Thomas Goldsmith e Estle Ray Mann, che brevettavano un “apparecchio per il divertimento a tubo catodico” nel quale un missile attaccava i bersagli sullo schermo. Risale al 1971 il primo videogioco commerciale, Computer Space, lanciato da Nolan Bushnell e Ted Dabney: per giocarvi, si andava nei bar. Magnavox Odissey, la prima console per videogiochi domestica, è uscita nel 1972 (Luca Maragno, Focus 2010).

PASTICCERIA Il frisbee, inventato da Walter Fredrick Morrison, è nato da un gioco fra Morrison e sua moglie, che si lanciavano una teglia piatta per torte in spiaggia. Il primo fu fabbricato nel 1948: nel 1957 l’azienda Wham-O Manifacturing ne acquisì i diritti e cominciò a produrlo su larga scala. “Frisbee” deriva dal nome di una pasticceria del New England, la Frisbie Pie Co., dalla quale provenivano i tegami che usavano i coniugi Morrison (corriere.it 12/2).

ROBOT I ricercatori del Mit, il Massachusetts Institute of Technology, hanno progettato dei pesci robot, realizzati con un composto sintetico concepito per essere flessibile nei punti in cui i pesci veri si piegano molto e alimentati da un motore che crea un’onda all’interno del corpo, imitando i movimenti degli animali che nuotano (Juli Berwald, National Geographic febbraio 2010).

FLESSIBILI I flexitarian, ovvero i vegetariani che occasionalmente mangiano carne, a patto che sia biologica e rispetti rigidi standard qualitativi (Anna Lombardi, D la Repubblica delle donne 13/2).

RIGIDI All’accademia militare di West Point, la migliore università americana secondo Forbes, ci si sveglia alle 5.50, si sistemano letto e vestiti, la mattina si seguono le lezioni; nel pomeriggio si svolge un’intensa attività sportiva, si cena alle 20 e poi si studia fino a mezzanotte. D’estate si parte per l’addestramento militare all’estero. Gli uomini seguono una dieta da 4.000 calorie, le donne una da 3.000 (Francesca Vercesi, IL febbraio 2010).

SCAMBI A Niscemi (Catania), la cooperativa Liberambiente ha inaugurato First, il primo negozio in cui barattare i rifiuti domestici, ad eccezione dell’umido. Funziona con una raccolta punti: con 100 grammi di carta, cartone o ferro si riceve un punto, con 100 di plastica tre punti, con 100 di alluminio cinque. Una volta accumulati 70 punti, si può scegliere il premio: mezzo chilo di pasta o 25 centesimi. Poi il negozio rivende i rifiuti (V.V., Economy 17/2).

INQUINARE I 150.000 parrucchieri che ci sono in Italia emettono 800.000 tonnellate di anidride carbonica, inquinando quanto 200.000 automobili che percorrono 30.000 chilometri (Antonio Cianciullo, D la Repubblica delle donne 13/2).


[Il Foglio del lunedì, 15/02/10]

lunedì, febbraio 08, 2010

08/02 - Abstracts

CANI Bo, il cao de agua portoghese della famiglia Obama, è protagonista di Puppy Power Bo Obama, una graphic novel in uscita negli Usa. Nel fumetto il cane è un supereroe iperattivo: fa l’astronauta, partecipa alla guerra di Secessione, gioca a tennis, guida una rivolta di animali ecc. Sul blog obama-dog.com è possibile seguire le attività di Bo minuto per minuto (A.T., Sette 4/2).

GATTI Oscar, gatto a chiazze bianco e grigio, è in grado di fiutare la morte. Si aggira per le stanze dell’ospedale Steere House di Rhode Island, negli Usa, e si ferma a tenere compagnia soltanto ai pazienti più gravi, quelli cui restano poche ore di vita. Fino a oggi Oscar si è intrattenuto con una cinquantina di pazienti, tutti morti poco dopo. Sulle doti dell’animale il getriatra e docente universitario David Dosa ha scritto un libro, Il regalo straordinario di un gatto ordinario, già entrato nella classifica dei 50 libri più venduti online (adnkronos.com 2/2).

SCARAFAGGI Uno scarafaggio dell’Alaska può sopportare temperature fino a 37 gradi sotto zero grazie a una sostanza antigelo presente nel suo organismo (Federico Bini, Vanity Fair 10/2).

CIGNI L’abito cigno dell’ultima collezione di Fausto Sarli, dedicato al presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano, è fatto con 700 piccole calle e 120 metri di tessuto (Paola Pisa, Il Messaggero 31/1).

VINCERE/ 1 Il vincitore di oltre 147 milioni di euro al Superenalotto (lo scorso agosto a Bagnone, in provincia di Massa) si è iscritto a Facebook e ha raccontato di aver vinto con una schedina da due euro. Oggi vive da miliardario, dividendosi fra isole caraibiche, Montecarlo e Miami. Ha una quarantina di fan, ma resta nel totale anonimato. Non è di Bagnone: «Per fortuna il tabaccaio dove ho giocato non si ricorda di me e ha indicato altre persone, io ero solo di passaggio» (Raffaella Griggi, Il Messaggero 1/2).

VINCERE/ 2 La 33esima edizione dell’Empire State Building Run-Up, a New York il 2 febbraio scorso. In gara 315 concorrenti, da 19 stati e 17 paesi, che sono arrivati fino all’86° piano, dopo 1.576 scalini. Il tedesco Thomas Dold, 25 anni, ha vinto per la quinta volta consecutiva in 10’16’’, eguagliando il record di cinque successi dell’australiano Paul Crake, che conserva il primato con il tempo di 9’33’’. Tra le donne la migliore è stata la neozelandese di Wellington, Melissa Moon, 40 anni, che ha corso il mezzo miglio di scalata fino alla vetta in 13’17’’ (Il Sole 24 Ore 3/2).

PESO Al torneo Sei Nazioni la squadra di rugby irlandese, 49 giocatori, è la più pesante: in tutto i suoi giocatori superano le cinque tonnellate di peso. La più leggera è la formazione italiana, composta da 30 giocatori, che sfiora le tre tonnellate. In tutto il Sei Nazioni pesa più di 24 tonnellate, quanto una balenottera. Il giocatore più robusto è E. Lewis-Roberts, gallese, 132 chili (come un cucciolo di elefante), il più leggero è Peter Stringer, irlandese, 71 chili (Camilla Strada, Vanity Fair 10/2).

LETTI Per fabbricare un letto matrimoniale della ditta Hästens, fornitrice ufficiale dei reali di Svezia dal 1952, si impiegano 207 chili di materiale. Per Vividus, il miglior letto della gamma (costo da 2 mila a 60 mila euro), occorrono 200 ore di lavoro artigiano. I letti sono realizzati con crine di cavallo traspirante, cotone, pura lana vergine, lino e pino scandinavo, e contengono molle trattate a caldo e imbustate una per una per garantire un sostegno differenziato (Laura Barsottini, first febbraio).

IMPEGNI Attività previste per ministri, governatori e capi di Stato presenti al G7 di Nunavut, in Canada: corsa su slitte trainate da cani, due ore di cena di lavoro a base di sangue di foca e pelle cruda di balena, un’ora di chiaccherata attorno al caminetto, tre ore e un quarto di vertice formale, una sola conferenza stampa collettiva. Nunavut, 7.500 abitanti, si trova 300 chilometri a sud del Circolo polare artico. In inverno è raggiungibile soltanto in aereo (Stefano Lepri, La Stampa 4/2).

EMIGRARE Alla Iuliu Hatieganu di Cluj-Napoca, università di Medicina in Transilvania, su 7 mila studenti, 1.600 provengono dall’estero. Oltre a tasse universitarie basse e buone strutture, l’Ateneo garantisce fin da subito accesso diretto agli ospedali e lavoro con i pazienti. Le università di medicina romene prevedono per gli studenti stranieri un esame di ammissione in inglese o francese, così come le lezioni dei primi tre anni, mentre dal quarto in poi si insegna in lingua romena. Dall’entrata della Romania nell’Unione Europea nel 2007, i titoli di studio romeni sono riconosciuti in tutta Europa. Quest’anno, alla Iuliu Hatieganu, gli iscritti totali alle classi in francese sono 1.000, a quelle in inglese 600, di cui 200 svedesi. La Transilvania piace molto anche agli aspiranti medici italiani (Marta Allevato, il Giornale 1/2).

MILIARDI Secondo gli ultimi studi dell’Onu sulla crescita demografica, la popolazione terrestre toccherà quota otto - nove miliardi intorno al 2040, dopo diminuirà rapidamente fino a stabilizzarsi a quota cinque miliardi nel 2100 (Enrico Franceschini, la Repubblica 2/2).

LONGEVITA’ Nel 1924 donne e uomini raggiungevano al massimo i 64 anni d’età. Nel 2000 la speranza di vita ha raggiunto gli ottant’anni. In Italia nel 1990 gli ultranovantenni erano poco più di 3 mila, oggi ci sono quasi 12 mila centenari (Caterina Pasolini, la Repubblica 4/2).

PAZIENZA In media un inglese perde la pazienza in otto minuti e 22 secondi (ricerca condotta dall’operatore Talk Talk in Gran Bretagna su oltre duemila persone) (il Venerdì 5/2).

OFFERTE risparmiosuper.it, l’unico sito italiano che monitora le offerte speciali dei supermercati. Le informazioni, relative a più di 5 mila prodotti, sono inserite nel database dagli utenti. Il programma fa la comparazione per tipologia, brand, prezzo, peso, confezione, e segnala in rosso le offerte migliori (Roselina Salemi, La Stampa 5/2).

CAMBIO Tutti i magazzini Standa entro marzo si chiameranno Billa. Lo ha deciso il gruppo tedesco Rewe, che ha rilevato la catena nel 2001. Secondo i proprietari il vecchio marchio non funziona più: le conversioni già testate nei punti vendita del Nordest hanno dimostrato che i clienti preferiscono il nome estero. La Standa era stata fondata nel 1931 dall’ex direttore di Upim, Franco Monzino, con il fratello Italo (lo stesso che ha poi costituito il Centro cardiologico) e la sorella Ginia. Il capitale iniziale era di 50 mila lire. Il nome completo era Magazzini Standard. Diventò Standa (acronimo di Società tutti articoli nazionali dell’abbigliamento) nel 1938, quando Mussolini impose di italianizzare le scritte straniere (Sergio Bocconi, Roberta Scagliarini, Corriere della Sera 4/2).

SCUOLA Tra le novità della riforma Gelmini per le scuole superiori c’è l’istituzione del liceo musicale e coreutico. L’indirizzo musicale, in realtà, c’era già: in Italia esistono nove licei musicali, considerati sperimentali. Dal prossimo anno ne entreranno a regime quaranta, affiancati da dieci coreutici. Queste scuole saranno a numero chiuso, il test d’ingresso riguarderà le materie artistiche. Gli insegnanti saranno professori di accademie e conservatori, dove i ragazzi potranno proseguire gli studi (Lorenzo Salvia, Corriere della Sera 5/2).

FRANCESI Per il 41% dei ragazzi francesi tra i 15 e i 18 anni i genitori rappresentano il modello cui ispirarsi. Il 36% di loro dice che la mamma è il miglior simbolo della donna (indagine condotta da Ipsos Santé e promossa dalla fondazione Wyeth per conto del Forum Adolescence 2010) (Domenico Quirico, La Stampa 4/2).

INGLESI Secondo l’European School Survey Project il 96% dei giovani inglesi si definisce ambizioso (non conta in quale campo), il 12% vorrebbe diventare un campione sportivo, l’11% pop star, l’11% astronauta, il 4% insegnante. Il 10% passa almeno cinque ore al giorno sui social network e il 48% trova più facile avvicinare le ragazze online che dal vivo (Ibidem).


[Il Foglio del lunedì, 08/02/10]

lunedì, febbraio 01, 2010

01/02 - Abstracts

CALZE Ai soldati dell’esercito israeliano puzzano i piedi. Per questa ragione, a partire da marzo l’esercito distribuirà calze che fanno respirare i piedi e restano asciutte per almeno due settimane. A rendere i piedi inodori è un additivo metallico nel tessuto delle calze (Avvenire 29/1).

POSARE Claude, 8 anni, figlio di Renoir, quando posò per il padre vestito da clown fu costretto a indossare delle calze che gli pizzicavano le gambe e si contorse durante tutta la sessione di pittura. Marguerite, 13 anni, era la modella preferita di suo padre Matisse e Picasso si ispirò a lei per tratteggiare «il naso visto di lato» delle Demoiselles d’Avignon. Jean-Paul posò per il padre scultore Paul Belmondo solo una volta, perché non riusciva stare fermo. Kisette, 8 anni, figlia di Tamara de Lempicka, posò per il quadro Kizette in rosa che poi illustrò la copertina di un’edizione di Lolita di Nabokov (Antonella Barina, il venerdì di Repubblica 29/1).

CAVIE Phil Maher, americano, 32 anni, è un donatore di sangue professionista. Guadagna 320 dollari al mese: bastano due sacche di sangue alla settimana, pagate 40 dollari l’una (negli Usa, il sangue si paga). Paul Clough fa il “lab rat” (topo di laboratorio) a tempo pieno: testa su sé stesso farmaci non ancora in commercio. Il guadagno, secondo la rivista New Scientist, può raggiungere i 300 dollari al giorno (35.000 dollari l’anno). Secondo Clough gli americani che si guadagnano da vivere in questo modo sono 10.000, ma in base ad alcune ricerche potrebbero essere almeno il doppio (Lucia Capuzzi, Avvenire 28/1).

ESPERIMENTI McItaly, il primo panino di McDonald’s tutto italiano: contiene ingredienti come salsa al carciofo romanesco, Asiago Dop, cipolle di Tropea, olio extravergine dei monti Iblei e bresaola della Valtellina Igp. È stato presentato dal ministro dell’Agricoltura Luca Zaia in persona, cuoco per un giorno al McDonald’s di Piazza di Spagna. «È il primo panino “tracciato” italiano al 100%. Non è stato facile. L’amministratore delegato della Mc Donald’s Italia, Roberto Masi, ha dovuto prendere la valigetta e andare fino a Chicago per farselo autorizzare». È il primo di una serie di panini e insalate con ingredienti italiani in vendita dal 27 gennaio. La previsione di vendita dei prodotti McItaly è di 3,5 milioni in sette settimane (Virginia Piccolillo, Corriere della Sera 27/1).

MAFIA In Italia, la mafia compie 1.300 reati al giorno, 24 all’ora, quasi uno al minuto. Le attività criminali le fruttano circa 135 miliardi di euro e un utile di quasi 70 miliardi netti. I settori preferiti: edilizia, commercio, autotrasporto e gioco. Solo racket e usura fatturano 24 miliardi. In compenso, le vittime sono più disposte a parlare: dal 2004 al 2007 le persone denunciate per usura sono salite da 995 a 1.313. E lo Stato reagisce di più rispetto al passato: 200 i latitanti arrestati negli ultimi mesi, sequestrati beni per oltre cinque milioni di euro. (Claudio Tucci, Il Sole 24 Ore 27/1).

LEGGI Divieti contenuti nel Metropolitan Police Act del 1839 tuttora in vigore in Inghilterra: camminare per strada con materiali da costruzione; far rotolare barili o altri oggetti ingrombranti per strada; giocare con l’aquilone o con qualunque altro gioco che possa dare fastidio agli altri; vestirsi da marinaio per andare alle feste in maschera; chiedere soldi agli estranei (lastampa.it, 26/1).

PANCHINA A Vercelli presto giocheranno a calcio solo i ragazzi che vanno bene a scuola. I 600, dai 6 ai 18 anni, che vestono le maglie delle squadre locali saranno giudicati in base a buona condotta, educazione civica e rendimento scolastico (Roberta Martini, La Stampa 27/1).

BAGNO Alle cassiere del gruppo Carrefour sarà consentito andare in bagno ogni quattro ore. Una circolare interna specifica: «Qualora ci siano frequenti necessità la pausa diventa patologica e va certificata dal medico». Francesco Quattrone, direttore delle risorse umane, precisa: «Naturalmente non stiamo a contare quante volte un dipendente va in bagno» (Eleonora Barbieri, il Giornale 27/1).

ORGE In Giappone, l’azienda Soft on Demand ha organizzato un’orgia con 500 persone, 250 uomini e 250 donne. Unica regola: muoversi in sincrono per raggiungere tutti insieme un gigantesco orgasmo. Nel 2008, un villaggio di nudisti nel nord est del Paese aveva dedicato un mese intero al sesso libero (affaritaliani.it 27/1).

3D Tinto Brass ha intenzione di girare il primo film erotico in 3D: s’intitolerà Io, Caligola ma in molti l’hanno già ribattezzato “Chiavatar”. «Sarà il primo film del genere in 3D al mondo, oltre ad essere forse il primo film 3D in Italia. Le riprese dovrebbero iniziare tra maggio e giugno e racconterò la parte finale della vita di Caligola, la sua follia per la morte dell’amata sorella Drusilla, la decisione di far prostituire le mogli dei senatori per finanziare le casse dell’impero. Il film del ’79 che gli americani mi scipparono, finendolo e montandolo loro, parlava dell’orgia del potere. Questo parlerà del potere dell’orgia» (Agi.it 27/1).

CONCEPIRE Nel Regno Unito, una donna è rimasta incinta grazie all’applicazione Fertilità del suo iPhone. Da tre anni tentava senza successo di concepire un figlio: così ha iniziato a misurarsi la temperatura ogni giorno usando l’applicazione per calcolare il proprio picco di fertilità. E dopo due mesi è rimasta incinta di un “iPhone baby” (unita.it 25/1).

PRESTO Negli Stati Uniti, nel 2006 ci sono state 71,5 gravidanze ogni mille donne d’età inferiore a 20 anni, la maggior parte delle quali 18enni e 19enni (nel 2005 erano il 3% in meno). Il dato è comunque inferiore a quello del 1990, anno nel quale si è raggiunto il picco di 117 gravidanze ogni 1.000 adolescenti. Rispettivamente il 12% delle ragazze nere e ispaniche e il 4,4% delle bianche rimane incinta. Abortisce il 29,3% (nel 1990 era il 43,9%), percentuale che fra le afroamericane sale a circa il 41%. Solo il 2% delle ragazze divenute madri prima dei 18 anni finisce il college prima dei 30 anni (Belinda Luscombe, time.com 26/1).

SOPPRIMERE Per ogni levriero impiegato nelle gare di corsa, 40 sono soppressi. Oggi si allevano soprattutto esemplari inglesi di razza greyhound per i cinodromi ed esemplari spagnoli di razza galgo per la caccia. Appena nati, i greyhound subiscono una prima selezione: i cuccioli più deboli vengono soppressi. Seguono altre due selezioni, a quattro-cinque mesi e a 16 mesi, nelle quali si rivalutano le doti fisico-caratteriali e si eliminano gli esemplari meno idonei. Se sono adatti alla corsa gareggiano fino all’età di quattro-cinque anni: dopodichè, spesso sono abbattuti. Non va meglio ai galgo, uccisi dal loro padrone in caso di stagione di caccia sfortunata (Alex Saragosa, il venerdì di Repubblica 29/1).

SPOT Durante il Superbowl del 7 febbraio, la finale del campionato di football americano, in diretta tv sarà trasmesso uno spot di 30 secondi nel quale la madre del campione Tim Tebow racconta come abbia deciso di avere il figlio malgrado i medici le avessero consigliato di abortire. Intitolato Celebrate family, celebrate life (Celebra la famiglia, celebra la vita) lo spot è stato ideato da Focus on the family, associazione anti-aborto e sfrutterà l’audience dell’evento, che frutta all’emittente Cbs 2,5 milioni di dollari ad annuncio pubblicitario. Per la prima volta dalla legalizzazione dell’aborto nel ’73, la maggior parte della popolazione americana (51%) si dichiara contraria (Silvia Kramar, il Giornale 29/1).

INVESTIRE I conduttori televisivi che fanno guadagnare di più agli inserzionisti pubblicitari sono Fiorello, Gerry Scotti, Paolo Bonolis ed Ezio Greggio: Scotti ha da poco dichiarato di valere più di 250 milioni di euro in pubblicità. Molto redditizia Maria De Filippi, che attira il target giovane. Alla Rai, i conduttori che valgono di più sono Carlo Conti, Antonella Clerici e Luciana Littizzetto, ma piace anche Simona Ventura (Francesca D’Angelo, Libero 27/1).

CHIODI Om Mokshananda, svedese, fisioterapista ed ex acrobata circense, ha ideato una versione hi-tech del letto di chiodi dei fachiri indiani: più di 6.000 piccoli aghi che sciolgono le tensioni muscolari. Lanciato nel 2007 con un investimento iniziale di 1.000 dollari, solo in Svezia ha venduto 350.000 pezzi. L’impresa che lo produce dà lavoro a 10 persone in Svezia e a 400 in India, impiegate nella fabbrica a Varanasi e a Delhi. Presto verrà aperto un quartier generale anche negli Usa (Anna Lagorio, ventiquattro 29/1).


[Il Foglio del lunedì, 01/02/10]

mercoledì, gennaio 27, 2010

27/01 - La seconda vita dell’hi-tech

In italiano “Raee” (Rifiuti da apparecchiature elettriche ed elettroniche), in inglese “e-waste”, spazzatura elettronica: sono i rifiuti che produciamo buttando computer, cellulari, componenti tecnologici, elettrodomestici.

La spazzatura tecnologica è divisa in 5 grandi gruppi:
1. freddo e clima (frigoriferi, congelatori, condizionatori);
2. altri grandi bianchi (lavatrici, ventilatori elettrici);
3. tv e monitor;
4. elettronica di consumo e apparecchi di illuminazione;
5. sorgenti luminose (lampadine e tubi fluorescenti);

Sono rifiuti altamente inquinanti: contiengono metalli pesanti e sostanze tossiche come piombo, cadmio e cromo esavalente. Sostanze rintracciabili anche nei corsi d’acqua dei siti di smaltimento di questi rifiuti. Possibili rischi per l’uomo: da semplici reazioni allergiche a tumori, danni a fegato e polmoni, danni cerebrali, alterazioni del dna. La sua gestione è regolata da una direttiva dell’Unione Europea.

I rifiuti tecnologici si possono rivelare un’autentica miniera d’oro: da ogni tonnellata di hardware si possono recuperare 16 grammi di oro puro (in una miniera tradizionale da ogni tonnellata se ne recuperano da due a quattro).

In media, in tutto il mondo si producono dai 20 ai 50 milioni di tonnellate di rifiuti tecnologici ogni anno. Solo in Europa, il Wwf ha stimato che ogni cittadino ne produce circa 20 chili ogni anno. Del 75% di quelli prodotti nell’Unione Europea e di più dell’80% di quelli prodotti in Italia non si hanno più notizie: sono in gran parte esportati, spesso illegalmente, per finire in discariche abusive in Africa oppure in mano a riciclatori clandestini in Asia, spesso nei paesi in via di sviluppo.

C’è chi ha annusato l’affare. Nel villaggio di Guiyu (Cina), ha sede un’enorme discarica di recupero di componenti elettronici. Qui, le schede elettroniche sono ammucchiate, smistate secondo tipologia e riscaldate in modo da staccarne i singoli componenti: questi vengono estratti uno ad uno, divisi per caratteristiche e conservati in contenitori. Il riciclo dei componenti genera un giro d’affari annuo pari a 75 milioni di dollari. Purtoppo però a svolgere questo lavoro sono spesso bambini e anziani sottopagati.

Il film documentario Garbage Dreams, in lizza come miglior documentario all’Oscar 2010, racconta come in Egitto gli Zabbaleen, letteralmente “popolo dei rifiuti”, riescano a riciclare più dell’80% dei materiali accumulati, pari a 3.000 tonnellate al giorno.

New York è stata la prima città statunitense ad imporre ai propri cittadini il riciclaggio tecnologico. Lo ha stabilito una legislazione approvata il 15 febbraio 2008 dal New York City Council, che ha permesso il recupero di circa 25.000 tonnellate di rifiuti elettronici accumulatisi a New York e dintorni.

In Italia, ogni cittadino produce più di 14 chili di rifiuti elettrici ed elettronici ogni anno, dei quali meno di un chilo e mezzo è recuperato. Nel 2009, sono state raccolte 180.000 tonnellate di Raee, più del doppio rispetto al 2008.

Da noi, Greenpeace porta avanti il progetto Elettronica verde per il riciclo corretto dei rifiuti. Una sua inchiesta dell’aprile 2009, “Hi-Tox” (scaricabile a questo indirizzo), svolta nei centri di raccolta Raee di otto regioni italiane, ha rivelato che solo il 20% di questi rispetta tutti i requisiti stabiliti dalla legge.

Dal 2008 i responsabili della raccolta Raee non sono più i comuni, ma i produttori. Quindi, se si vuole cambiare un elettrodomestico di qualsiasi tipo (computer, televisore, frigorifero), basta consegnarlo al rivenditore, che è obbligato per legge ad accettarlo: la consegna, spesso, dà diritto ad un buono per acquistare un nuovo apparecchio.

A Roma esistono quattro isole ecologiche e sette centri di raccolta per rifiuti particolari o ingombranti, ma questi ultimi si possono anche far ritirare a domicilio (per info, clicca qui): il prezzo varia da 13,75 a 87,34 euro a seconda del punto di raccolta e del volume dei rifiuti.

A Milano ci si può rivolgere all’Amsa (Azienda milanese servizi ambientali), l’azienda che si occupa della manutenzione delle strade e della raccolta dei rifiuti. Anche lei offre un servizio a pagamento di raccolta a domicilio (per info, clicca qui, per prenotare online qui). Presso le proprie riciclerie, l’azienda raccoglie anche i rifiuti Raee: nel 2008 ne ha raccolte 2.901 tonnellate. Per sapere dove buttare i propri rifiuti, si può chiamare il numero verde 800.332.299 oppure inviare un’e-mail.

Per conoscere quali sono i centri di raccolta Raee più vicini, ci si deve collegare al
sito istituzionale del Centro di Coordinamento Raee. Oggi si contano 2.893 centri di raccolta (dato aggiornato al 17 marzo 2009) il cui numero non è sufficiente per una gestione ottimale dei rifiuti, non distribuiti in maniera uniforme sul territorio: le 8 Regioni del Nord (Lombardia, Veneto e Emilia Romagna in testa) hanno 2.172 aree di raccolta rifiuti (una ogni 12.500 abitanti), contro le 325 del Centro (4 Regioni, una ogni 36.000) e le 302 del Sud (6 Regioni, una ogni 46.000). Sardegna e Sicilia hanno, rispettivamente, 62 e 32 centri di raccolta, vale a dire uno ogni 71.000 abitanti.

La regione italiana più all’avanguardia nel riciclo è la Lombardia, che copre il 20% dei rifiuti hi-tech riciclati in tutta Italia: 104.000 frigoriferi e congelatori riciclati in 12 mesi, 7.154 tonnellate di grandi elettrodomestici raccolti e trattati e oltre 5.800 tonnellate di materiali recuperati e reimmessi nella filiera produttiva. Soltanto in Lombardia, riciclare correttamente i Raee ha permesso di evitare, in un anno, l’emissione in atmosfera di 155.000 tonnellate di CO2, risparmiando 7 milioni e 366.000 chilowattora di energia e 3.100 tonnellate equivalenti di petrolio.

Con il motto «getta e usa», la società cooperativa Binario Etico ha aperto a Roma il primo negozio che vende solo pc riciclati (“trashware”), Trashop - Officina Informatica (Via del Forte Tiburtino 98). Prezzi: compresi fra 150 e 250 euro. Oltre alla vendita, il negozio offre anche un servizio di assistenza tecnica (per info, clicca qui).

In Italia, del riciclo si occupano alcuni consorzi, come: Ecodom (il più grande, detiene il 70% del mercato dei grandi elettrodomestici e gestisce il 40% dei Raee prodotti in Italia), ecoR’it, Ecoelit, Ecolight, Ecolamp (recupero e smaltimento di apparecchi d’illuminazione).

I cellulari sono i rifiuti più pericolosi, sia per l’ambiente che per la salute, ma il loro riciclo non è ancora decollato. Nel 2008, una ricerca inglese denunciava il fatto che meno del 50% degli inglesi riciclava il proprio cellulare. Gli italiani scendevano sotto il 25%. Nel Regno Unito, inviando il proprio cellulare e i relativi accessori al riciclo, si ricevono buoni sconto di valore variabile dalle 3 alle 100 sterline. Nel 2008, in un’indagine condotta da Nokia in 13 Paesi su un campione di 6.500 persone, la risposta più frequente era stata: «I vecchi cellulari? Possono sempre servire, che li butto a fare». A riciclare i telefonini era solo il 13% del campione.

Vodafone è l’operatore telefonico più sensibile alla tematica del riciclaggio: porta avanti la “raccolta telefoni, batterie e accessori” dal 2000. Con la sua campagna My Future ha invitato i possessori di un vecchio cellulare a portarlo in un suo centro per riciclarlo, ricevendo in cambio 50 punti Vodafone One. Nel gennaio 2007 ha lanciato ufficialmente la sua iniziativa della Serata del riciclo: consegnando ad un negozio Vodafone due cellulari da riciclare, si riceve in omaggio un biglietto d’ingresso omaggio ad uno spettacolo teatrale. Complessivamente, in 10 anni, Vodafone è riuscita a raccogliere un milione e 600mila telefoni.

Il vecchio televisore si può riciclare per il 96%. Dalla tv si può ricavare: rame (3%), ferro (12%), alluminio (0,4%), vetro (48%) e plastica (16%), con l’aggiunta dello schermo e del vetro dei tubi catodici. Il vetro rimane il materiale più recuperato: nel 2008 sono state recuperate quasi 3.700 tonnellate di vetro schermo, circa 2.400 tonnellate di vetro cono ed altre 75 tonnellate di vetro, che rappresentano complessivamente circa la metà delle frazioni recuperate.

A Yashiro (Giappone), ha sede il Panasonic eco technology center, dove si smontano i vecchi televisori e si sperimentano tecniche di riciclaggio dei loro componenti. Con l’arrivo del digitale terrestre, in Giappone sono stati dismessi 12,9 milioni di televisori, che sono stati disassemblati con cura e privati delle parti riciclabili. Nell’impianto giapponese lavorano 180 persone, e recuperano ogni anno 30.000 tonnellate di materiale riciclabile.

Nei primi 10 mesi del 2009, in Italia sono stati dismessi 1,8 milioni di televisori, per un totale di 36.000 tonnellate di materiale. Questo viene usato anche nell’edilizia: come accade nel progetto Glass Plus del consorzio ReMedia, che ricicla il vetro dei tubi catodici per produrre piastrelle di ceramica per il Gruppo Concorde, di cui è partner.

Online, molti consigli per riutilizzare la vecchia tv e il vecchio computer. Il televisore, ad esempio, può rivelarsi un comodo portaoggetti, un mobiletto bar, un acquario (le istruzioni per realizzarlo le trovate qui), una poltrona, una fiorera, o semplicemente un supporto per le vecchie console di videogiochi. Un sito ricco di informazioni utili è greenme.it. Anche il vecchio pc può diventare un acquario. Si può adoperare un vecchio Macintosh della Apple (Macquarium): basta inserire una vasca da acquario dentro il case del vecchio Mac. Qui qualche esempio.

Riciclare e fare del bene. Come Jacob Komar, statunitense, 17 anni, che usa il computer da quando aveva 2 anni e da quando ne aveva 9 ha riciclato più di 1.500 vecchi pc, smontandone e rimontandone componenti per poi donarli riassemblati alle famiglie povere del suo quartiere. Ha fondato l’associazione non-profit Computers for Communities. Vicino a Milano, a Peschiera Borromeo, Banco informatico raccoglie computer e accessori usati ma funzionanti e, dopo averli testati, li dona a scuole, università opere sociali e istituti di formazione in Italia e nei paesi in via di sviluppo.

Quando il riciclo si fa arte. Per ridare una seconda vita ai bauli di musicassette dismesse dagli anni ’90, l’artista spagnola Vanesa Moreno costruisce mobili con gli involucri di plastica annodati dai nastri: un’abat-jour costa 35 euro, una piantana 140. Inoltre, si possono barattare con lei le proprie vecchie cassette (ooomydesign.com). Ink-Cartridge Chandelier è un lampadario realizzato con le cartucce esaurite della Epson. Costo: 150 dollari (in vendita su etsy.com).


[articolo originale]

martedì, gennaio 26, 2010

25/01 - Abstracts

OCCASIONI Fidel Castro sarebbe potuto diventare giocatore nella squadra americana di baseball dei Washington Senators, ma fu scartato e ripiegò sulla politica. Hitler fu sul punto di suicidarsi nel 1923, dopo il fallimento del colpo di stato a Monaco, ma un amico lo convinse a non farlo. Napoleone non potè fare una ricognizione sul campo a Waterloo per colpa di un attacco di emorroidi e il 18 giugno 1815 vi fu sconfitto dal duca di Wellington. Winston Churchill, maggiore dell’esercito inglese nella Prima guerra mondiale, si salvò da un attacco dell’artiglieria tedesca perché era andato a incontrare il suo comandante (Ferdinando Cotugno, Vanity Fair 20/1).

REFERENDUM Il referendum per la costruzione di una nuova filiale Ikea nel quartiere di Altona (Amburgo) ha avuto più votanti delle elezioni europee di giugno. Il nuovo negozio della catena dovrebbe essere alto 37 metri e ampio 20.000 metri quadri ed essere edificato sulla Große Bergstraße, un viale di 800 metri che è stato la prima area per soli pedoni della Germania: qui aveva sede il Frappant, centro commerciale costruito nel ’74 e chiuso nel 2003, oggi occupato da 140 artisti. Questi hanno lanciato una raccolta firme anti-Ikea e per tutta risposta Bernd Langmaack, direttore dell’associazione dei commercianti di Altona, ha iniziato a raccogliere adesioni per un referendum pro-Ikea. La consultazione si è svolta il 19 gennaio: ha vinto l’Ikea con il 77,15% dei voti (Alessandro Alviani, La Stampa 20/1).

GALATEO Monsignor Raffaello Martinelli è autore del primo galateo per chi va a messa. Prima di entrare in chiesa è buona regola smettere di parlare, spegnere il cellulare e assicurarsi che il proprio abbigliamento sia decoroso: è importante arrivare puntuali. Poi, il segno della croce è valido solo se fatto «con l’acqua benedetta», si prega davanti al tabernacolo compiendo «un atto di adorazione con la genuflessione o almeno con un profondo inchino». Lo scambio del segno di pace va fatto «con chi ti sta più vicino, senza lasciare il tuo posto». Durante la comunione, che va fatta solo se si è «in grazia di Dio» e previo «digiuno di almeno un’ora», chi riceve l’ostia consacrata in mano, in caso non la porti subito alla bocca davanti al sacerdote, è bene che la «prenda delicatamente con le dita della mano destra». Durante i canti, è meglio cantare anche se non si è intonati (adnkronos.it 19/1).

SCALDARE La catena alberghiera Holiday Inn ha deciso di assumere degli «scaldaletto umani», uomini e donne, pagati per scaldare i letti dei clienti per cinque minuti prima che vadano a dormire: il servizio è gratuito. L’iniziativa è attiva in tre alberghi del Regno Unito, ma un portavoce della catena assicura che «se vediamo un riscontro positivo da parte dei clienti e se il maltempo continua, adotteremo scaldaletto umani in tutti i nostri alberghi in Gran Bretagna» (lastampa.it 18/1).

XXX This Aint Avatar XXX, ovvero la parodia porno del campione d’incassi Avatar, diretto da James Cameron. Sarà prodotto dalla società legata alla rivista per adulti Hustler, che ha prodotto altre porno-parodie ispirate a Sarah Palin e Tiger Woods, oltre che alle serie televisive Happy Days e Star Trek. Al momento, non si sa se la pellicola verrà realizzata in 3D e con effetti speciali. Il sito americano Empire, giudicando il titolo fiacco, ha chiesto ai suoi lettori di inventarsi possibili alternative (ansa.it 20/1).

DISTINGUERE Il Times ha riportato il parere di alcuni psichiatri secondo cui la visione del kolossal Avatar sarebbe un’esperienza così vicina alla realtà che la mente umana faticherebbe a distinguere il mondo vero da quello virtuale, stimolando così manie depressive o persino suicide in alcuni soggetti (Antonello Guerrera, Il Riformista 20/1).

OSSESSIONI L’attrice statunitense Heidi Montag, 23 anni, è ossessionata dalla chirurgia estetica. Recentemente, in un solo giorno, si è sottoposta a dieci interventi chirurgici al viso: tra questi, un mini lifting alle sopracciglia, iniezioni di botulino sulla fronte, iniezioni di grasso negli zigomi, nelle pieghe nasolabiali e nelle labbra, riduzione del mento, liposuzione del collo (dailymail.co.uk 20/1).

SPOSE In Italia, le spose bambine sono 2.000 ogni anno. Da noi il matrimonio di minorenni non è ammesso, ma esiste una deroga secondo la quale, per «gravi motivi», dai 16 anni in poi ci si può sposare. Il numero dei matrimoni fra ragazzini è molto diminuito: da 1.173 nel 1994 a 156 nel 2007. La regione in cui ci sposa più giovani è la Campania, con 77 matrimoni fra minorenni, perlopiù stranieri. Il matrimonio combinato è un’usanza presente soprattutto nelle comunità indiane e pakistane (Gianni Santucci, Corriere della Sera 20/1).

RINUNCE Sania Mirza, indiana, 23 anni, celebre tennista. Ha intenzione di sposarsi e di ritirarsi dallo sport, ma secondo la stampa ha ceduto alla famiglia, che le avrebbe imposto un matrimonio combinato come da tradizione. Sania e il suo fidanzato Sohrab si sono fidanzati ufficialmente lo scorso luglio: lei ne parla come di «un amico d’infanzia», ma hanno lo stesso cognome (Marco Lombardo, il Giornale 22/1).

FIGLIE Mathangi Arulpragasam, figlia dell’attivista indiano Tamil Arul Pragasam, nome d’arte M.I.A (Missing In Action) fa di professione la cantante. Ha ricevuto la nomination all’Oscar per la canzone O...saya del film The Millionaire. È accusata di essere simpatizzante del gruppo terroristico LTTE (Liberation Tigers of Tamil Eflam) perché nella canzone Growin up, Brewing Up incita alla guerrilla le Tigri del Tamil: per questo motivo le viene negato il visto per gli Usa. E’ stata inserita da Time nella lista delle 100 persone più influenti del 2009 (Michele Wad Caporosso, Rolling Stone gennaio 2010).

BADANTI «Sul Lago di Garda abita una ragazza dello Sri Lanka, venuta in Italia per guadagnare i seimila euro che servono a pagare le cure del fratellino malato di tumore. Lavando i pavimenti di giorno, facendo la badante di notte, e risparmiando ferocemente su tutto, giorno e notte, in un anno la ragazza riesce a mettere da parte la cifra agognata. Si accinge a mandare il vaglia a casa, ma non resiste alla tentazione di telefonare alla mamma per anticiparle la grande notizia. Entra in una cabina (la ragazza non ha il telefonino), tenendo a tracolla la borsa con i seimila euro. Quando quattro ragazzetti gliela strappano, lei lancia un urlo nella cornetta e la madre, dall’altra parte del mondo, vive il suo dramma in diretta. I carabinieri identificano subito i rapinatori: li conoscono già. Sono adolescenti della zona, molto ricchi e molto annoiati, che cercano di scuotere l’abulia delle proprie esistenze con gesti che procurino scariche violente di adrenalina: per esempio rubare soldi a chi ne ha bisogno per andarli a spendere in cose di cui loro non hanno alcun bisogno. Vengono acciuffati mentre stanno finendo di dilapidare il bottino in un negozio di oggetti griffati. Lo scontro fra bene e male è così lampante che per mettere tutto a tacere, anche la coscienza, i genitori dei bulletti rifondono i seimila euro. «Sono i nostri figli, cosa possiamo fare?», si giustificano. Un’idea l’avrei. Vivere come la ragazza per un anno: lavando i pavimenti di giorno, facendo i badanti di notte, e risparmiando ferocemente su tutto, giorno e notte. Magari funziona» (Massimo Gramellini, La Stampa 23/1).

TIGRI La tigre è un animale a rischio d’estinzione, soprattutto in Cina e in India. Solo nella Siberia russa la situazione è sotto controllo: in cinque anni nella penisola dell’Amur le tigri sono scese da 500 a 300, ma la possibilità di riproduzione resta elevata. Si calcola che in tutto il mondo siano rimasti circa 3.200 esemplari in libertà. Aumentano invece le tigri in cattività: 9.000 nel mondo, 5.000 solo in Cina (Giampaolo Visetti, repubblica.it 21/1).

CANI Rocky, un pastore tedesco di cinque anni, ha percorso 600 chilometri per tornare a Pisa dal suo padrone. Era stato catturato e portato via da un gruppo di nomadi sulla spiaggia di Marina di Carrara tre anni fa. Il padrone, il portuale siriano Ibrahim Fwal, aveva sporto denuncia senza sapere più nulla. Il cane era stato adottato da una famiglia di Salerno totalmente ignara della sua storia e, un giorno, era fuggito di casa dirigendosi istintivamente verso nord. A Pisa è stato trovato da un gruppo di animalisti che lo hanno portato al canile: notato il suo tatuaggio identificativo, è stato rintracciato il padrone. Che ora dice: «Starà sempre con me e adesso non lo toccherà più nessuno» (Marco Gasperetti, Corriere della Sera 23/1).


[Il Foglio del lunedì, 25/01/10]

mercoledì, gennaio 20, 2010

20/01 - Google in campo nella guerra dei cellulari

Il 5 gennaio, all’apertura del Ces 2010 (International Consumer Electronics Show) a Las Vegas è stato presentato ufficialmente Nexus One, il primo telefonino a marchio Google realizzato da Htc, azienda specializzata in smartphone.

In realtà, non si tratta del primo telefonino Google in assoluto: infatti, il 23 settembre 2008 era stato presentato a New York G1, sempre Htc, con tasti dedicati per Google Maps Street View, Gmail, YouTube e altri servizi targati Google. Dotato di una scheda di memoria da 1 gigabyte ed espandibile fino a 8, è stato uno dei primi cellulari a porsi come concorrente diretto dell’iPhone. Questo modello aveva i limiti di poter essere usato solo da utenti Google, di non registrare filmati e di essere privo di un riproduttore video. Da noi era conosciuto come HTC Dream, e Tim e Vodafone lo vendevano a 450 euro senza contratto. Poi, a maggio 2009 fu messo in commercio HTC Magic, prodotto analogo ma più evoluto, venduto da Vodafone e poi da Tim a 450 euro full optional.

Nexus One è tecnologicamente molto più avanzato. È stato lanciato con lo slogan «Web meets phone», la Rete incontra il telefono: non a caso “nexus” significa “connessione”. E infatti è Internet il fulcro del prodotto: connettività Wi-Fi e due servizi Google, Maps Navigator, che funge da navigatore Gps, e Goggles, che crea ricerche internautiche a partire dalle foto scattate col cellulare. Secondo l’esperto di Internet Tim O’Reilly, Nexus One è il primo vero telefono pensato e concepito per il web. La piattaforma sulla quale è basato è Android 2.1, sviluppata proprio da Google. Qui un’utile mappa del telefonino.

Android è una piattaforma opensource (gratuita e aperta alle modifiche degli utenti) per cellulari, basata sul sistema operativo Linux. È quella su cui si basano i tre cellulari Google (Htc Dream, Htc Magic e Nexus One), ma si adatta a cellulari di tutte le marche. La sua storia si è presto intrecciata con quella di Google: l’azienda di Mountain View ha indetto un concorso a premi, il cui ammontare complessivo è di 10 milioni di dollari, rivolto a potenziali sviluppatori di applicazioni per Android. La partecipazione è stata preclusa ai residenti in Italia, Cuba, Iran, Siria, Nord Corea, Sudan, Burma (Myanmar) e Quebec.

La vendita avviene esclusivamente online, sul sito google.com/phone, e sarà rivolta ai soli utenti Google: ognuno potrà acquistare al massimo cinque telefonini. Per il momento, il cellulare è disponibile per la vendita unicamente negli Stati Uniti, in Gran Bretagna, a Singapore e a Hong Kong; dall’aprile 2010 sarà disponibile anche in Europa.

Nexus One testato da Simone Brunozzi per Il Sole 24 Ore:

Punti forti. Sono principalmente tre: voice recognition (il sistema di riconoscimento vocale), augmented reality (la cosiddetta realtà aumentata, per avere un’idea di cos’è, potete vedere questo video) e user location (la localizzazione dell’utente).
• Tutte le applicazioni di Android, oltre ad email e navigazione su Internet, possono “dettare” al telefono ciò che si vuole: il sistema è perfezionabile, ma in futuro potrebbe rendere del tutto superfluo l’uso della tastiera;
• Goggles è un’applicazione che riconosce oggetti, monumenti, codici a barre, visi e dà la possibilità di interpretarli: messo di fronte a particolari disegni codificati, è in grado di trasformarli in filmati o animazioni in tre dimensioni. Qui un esempio del suo funzionamento;
• Grazie alla mappatura degli utenti, Google può fornire annunci pubblicitari sempre più mirati e rimanere leader del mercato della pubblicità online.
Altre caratteristiche che lo rendono un buon prodotto: l’ampio schermo (800×480 da 3,7 pollici), la fotocamera da 5 Megapixel con autofocus, la cancellazione del rumore tramite un microfono aggiuntivo.

Punti deboli. Non ha il multitouch (che invece ha l’iPhone), ha meno applicazioni del rivale (20.000 contro 90.000), ha un’interfaccia poco intuitiva e la connessione 3G dà qualche problema.

Apparentemente, i pro sembrano essere più dei contro. Un fattore negativo che non viene preso in considerazione da Brunozzi è il prezzo: 529 dollari (368 euro) se libero (“unlocked”), 179 (124 euro) se legato ad un contratto telefonico (che negli Usa vincola per due anni l’utente a T-Mobile, cui deve pagare anche un canone mensile di 79,99 dollari). Il costo di produzione del cellulare è di 174 dollari, considerando il costo dei singoli componenti. Il pezzo più costoso è il processore Snapdragon da un gigahertz (30,50 dollari), il più economico è il caricabatterie (1,20 dollari).

Negli Stati Uniti, Nexus One è stato oggetto di lamentele: i clienti protestano per la mancanza di assistenza telefonica (Google offre il servizio esclusivamente via Internet, e si possono aspettare anche 48 ore prima di ricevere risposta), per il malfunzionamento della connessione 3G, per i tempi di consegna troppo lunghi e per gli sconti offerti a chi sottoscrive un contratto con T-Mobile. L’argomento più scottante è la connettività: sui forum online si lamentano soprattutto frequenti cadute della linea durante le chiamate e bassa velocità di scaricamento. In seguito alle polemiche, il prezzo di vendita del cellulare acquistato con contratto T-Mobile sarà scontato di 100 dollari per i neoacquirenti, e sarà rimborsato della stessa cifra chi lo ha già comprato.

Nexus One contro iPhone. Su nexusforum.net, è aperto un sondaggio per decretare se Nexus sarà il “killer” dell’iPhone, il prodotto che gli toglierà lo scettro di smartphone più amato: per il momento, sono a quota 442 voti, e Nexus One sta stravincendo (297 voti contro 145).

Il telefonino Google si pone anche come concorrente dell’iTablet, ultimo nato di casa Apple, un pc portatile molto particolare che dovrebbe essere presentato da Steve Jobs a San Francisco il 26 gennaio.

Si dice che iTablet somigli ad un iPod gigante. Soprannominato iSlate e iPad (secondo MacRumors si chiamerà iGuide), sarà una grande tavoletta touchscreen di 9,6 pollici. Lo schermo sarà costruito da Wintek, la società che produce gli schermi per gli iPhone, e le batterie saranno prodotte da Dynaspro, che ha ricevuto una commessa per la produzione di 300.000 pezzi al mese. Secondo il Wall Street Journal, iTablet sarà in commercio a partire da marzo, e costerà dai 799 ai 999 dollari (dai 555 ai 694 euro circa).

Il 28 dicembre le azioni Apple in borsa hanno raggiunto il valore record di 211,61 dollari, dopo il tam tam pubblicitario in vista della presentazione mondiale del nuovo prodotto.


[articolo originale]

lunedì, gennaio 18, 2010

18/01 - Abstracts

PRECEDENZE Gianni Letta ha inviato a tutti i ministri un documento del cerimoniale di Stato che indica «l’ordine protocollare di precedenza», cioè l’ordine in cui si assegnano le poltrone ai ministri nelle cerimonie ufficiali: 1˚ Frattini (Esteri), 2˚ Maroni (Interno), 3˚ Alfano (Giustizia), 4˚ La Russa (Difesa), 5˚ Tremonti (Economia), 6˚ Scajola (Sviluppo economico), 7˚ Zaia (Politiche agricole), 8˚ Prestigiacomo (Ambiente), 9° Matteoli (Infrastrutture), 10° Sacconi (Lavoro), 11° Gelmini (Istruzione), 12° Bondi (Beni culturali), 13° Fazio (Salute), 14° Vito (Rapporti Parlamento), 15° Bossi (Riforme), 16° Calderoli (Semplificazione), 17° Fitto (Affari regionali), 18° Carfagna (Pari opportunità), 19° Ronchi (Politiche europee), 20° Brunetta (Pubblica amministrazione), 21° Rotondi (Programma), 22° Meloni (Gioventù), 23° Brambilla (Turismo). L’ordine delle precedenze dipende dalla data di istituzione del ministero. Per i ministri senza portafoglio, che seguono quelli titolari di Dicastero, vale l’ordine alfabetico (Alessandro Trocino, Corriere della Sera 16/1).

SCUOLA L’Africa ha bisogno di 2,4 milioni di insegnanti in più rispetto ai 2,8 milioni che ha attualmente: l’incremento servirà ad avvicinare il Paese all’obiettivo fondamentale dell’educazione primaria per tutti entro il 2015. Repubblica Centrafricana ed Eritrea dovrebbero aumentare il numero di insegnanti rispettivamente del 18,5 e del 16% ogni anno, mentre il Ciad del 14%, il Niger del 12,5% e il Burkina Faso del 12%. In molte zone dell’Africa le famiglie ricorrono a maestri “comunitari”, che costano cinque o sei volte meno di quelli statali (Chiara Zappa, Avvenire 14/1).

ANAGRAFE Circa 51 milioni di bambini nati nel 2007 non sono stati iscritti all’anagrafe: la maggior parte di loro proviene dall’Asia meridionale e dall’Africa. In Burkina Faso, prodotto interno lordo annuo di 320 euro pro capite, iscrivere i figli all’anagrafe è gratuito fino al sessantesimo giorno di vita, poi si pagano 5 euro. Ora Blaise Compaoré, presidente del Paese, vorrebbe rendere gratuita l’iscrizione tardiva fino ai 10 anni e scontata del 50% fino ai 18 (Paola Zanuttini, il Venerdì di Repubblica 15/1).

IMMIGRATI A Reggio Emilia, su 165.000 abitanti, 26.000 sono stranieri (il 16%): l’Emilia è la regione a «maggiore potenzialità di integrazione» e Reggio ha il tasso d’occupazione più alto d’Italia, dopo Bologna. Gli studenti stranieri nelle scuole sono quasi 4.500 (il 13%), di novanta nazionalità diverse: soprattutto marocchini, albanesi e indiani. In provincia ci sono quasi 8.000 imprenditori stranieri, soprattutto cinesi (1.125), nel settore industriale e in quello edile (Cesare Fiumi, Sette 14/1).

CONTADINI In Italia, nel settore agricolo, lavorano 172.143 extracomunitari. Il loro numero, dopo una crescita costante, è leggermente calato rispetto al 2008: nel 1995 erano 51.865, nel 2008 181.077. La mansione che ricoprono è soprattutto quella di raccolta di agrumi e olive, attività che nel 2007 impiegavano rispettivamente 8.000 e 3.500 immigrati. Le retribuzioni: quelle sindacali vanno dai 34 ai 39,2 euro al giorno, a seconda del settore, quelle non sindacali dai 16,5 ai 25 euro. Nel Nord e nel Centro Italia il numero degli immigrati è più che decuplicato, nel Sud è triplicato, soprattutto nelle regioni agricole (Campania, Puglia, Calabria). In Puglia si è incrementato di oltre 20.000 unità (Antonella Baccaro, Corriere della Sera 11/1).

MELE A Cles, capitale della Val Di Non a 1.246 chilometri da Rosarno, raccogliendo mele (Melinda, che dal 2003 sono a denominazione di origine protetta) per 50-60 giorni si può arrivare a guadagnare 4.000 euro netti. Senza spese, perché vitto e alloggio sono gratis, offerti dai contadini, che sono i 5.200 soci del consorzio Melinda. I primi immigrati ad arrivare in Val Di Non furono gli africani, messi in regola e pagati sette euro all’ora: circa 60 euro per una giornata di lavoro (contro i 25 dei braccianti di Rosarno). Per l’ultima raccolta delle mele, svoltasi fra settembre e ottobre dello scorso anno, hanno lavorato in Val di Non 6.000-7.000 immigrati, molti dei quali tornano ogni anno. In ogni stagione si raccolgono 300.000 tonnellate di frutta (Nino Cirillo, Il Messaggero 12/1).

ASINI Al concorso per un posto da vigile urbano nel comune di Pitigliano (Grosseto), non è stato ammesso alcun candidato alla prova orale: colpa dei troppi errori di grammatica e ortografia. Erano arrivate 238 domande, ma alla prova scritta si erano presentati solo in 61. Trenta se ne sono andati dopo aver letto la traccia dello scritto, gli altri 31 hanno fatto l’esame e sono stati bocciati. Era già successo ad Orbetello, in un concorso per un posto da dirigente al quale avevano partecipato 24 dottori in Giurisprudenza (Léon Bertoletti, Libero 15/1).

CANI Il 6 gennaio 15 chihuahua trovatelli della Bay Area sono atterrati all’aeroporto JFK con il volo San Francisco-New York numero 12 della Virgin America: dopo una breve permanenza presso l’Adoption Center of the American Society for the Prevention of Cruelty to Animals di New York, sono stati adottati. Ogni mese vengono abbandonati 600 chihuahua nella zona tra San Francisco e la Bay Aerea, sulla West Coast. È colpa delle mode delle razze canine: il chihuahua è protagonista di film (Legally Blonde), cartoni animati (The Ren & Stimpy Show) e pubblicità. I chihuahua delle star: Bit Bit, che vive in una suite privata della villa della sua padrona Britney Spears e mangia bistecche da 180 dollari; Tinkerbell, l’«accessorio di moda obbligatorio» di Paris Hilton (Alessandra Farkas, Corriere della Sera 12/1).

OSPITARE L’hotel Britannia di Rimini, tre stelle, da quattro inverni ospita gratis nelle sue 33 stanze barboni, senzatetto e bisognosi. Quest’anno sono venuti quasi in 200. La proprietaria, Antonietta Curcio, 60 anni: «Qualcuno mi ha anche chiesto dov’era la fregatura. Dovevo insistere perché la mattina si servissero a piacimento dal buffet della colazione. C’era chi continuava a dire: “Ma davvero posso?”» (Francesco Alberti, Corriere della Sera 11/1).

CARCERI/1 A Pozzale (Empoli) c’è un carcere femminile che ospita due detenute a fronte di una capienza di 24. Inaugurato l’8 marzo del 1997, più di mille metri quadri di superficie, due piani, 26 celle singole e confortevoli, una biblioteca, una sala ricreativa, un gabinetto dentistico, un’infermeria, un campo di calcetto, un ettaro di terra coltivata a ulivi, una serra e un’azienda agricola dove si producono vino e olio. Dal primo gennaio è stato trasformato nel primo carcere in Italia per transgender. Dal ’97 ad oggi vi sono passate cento donne. Il carcere costa ai contribuenti 500 euro al giorno, e in passato è arrivato a costarne 3.000-4.000 (Fabrizio Boschi, Il Giornale 11/1).

CARCERI/2 Le 84 persone arrestate nel corso dell’operazione antidroga “Ouverture” non hanno trovato posto nei due carceri di Messina per mancanza di spazio. Così 73 di loro sono state distribuite fra le carceri di Siracusa, Augusta, Ragusa, Caltagirone, Enna, Caltanissetta e Messina, 11 sono finite agli arresti domiciliari, una sottoposta all’obbligo di firma (Giuseppe Vecchio, Avvenire 15/1).

ISOLE L’isola di Hainan (Cina), tre ore e mezzo di volo da Pechino, temperatura di 29 gradi centigradi, 1.500 chilometri di coste e 40 alberghi a cinque stelle sulla spiaggia principale, Yalong Bay. Vanta il più grande complesso da golf della Cina: 22 campi a tema, con riproduzioni della Grande Muraglia e degli anfiteatri romani, che potrebbero diventare 100 nei prossimi cinque anni. Nei complessi residenziali i prezzi delle case sono cresciuti in media del 10% all’anno dal 2008. Il piano di sviluppo dell’isola prevede l’apertura di altri alberghi e dei primi casinò del Paese (Antonia Cimini, Il Messaggero 11/1).

CINA Nel 2040 il Pil della Cina raggiungerà quota 123 miliardi di dollari, pari a circa tre volte la produzione mondiale nel 2000. Il reddito pro capite toccherà gli 85.000 dollari, più del doppio di quanto previsto per l’Unione Europea e molto più di India e Giappone. Il settore agricolo è responsabile per circa un terzo dell’attuale crescita economica del Paese (Robert Fogel, Foreign Policy gennaio).

GIAPPONE Nel 2010 il debito pubblico lordo giapponese sfiorerà il 230% del Pil. Inoltre, la compagnia di bandiera, la Japan Airlines, è vicina alla bancarotta e potrebbe essere salvata solo dall’acquisto da parte di una compagnia aerea americana. E Akio Toyoda, presidente della Toyota, ha dichiarato che la sua azienda «sta lottando per la sopravvivenza». Tutto il contrario dei cinesi, primi al mondo per vendite di automobili (Federico Rampini, la Repubblica 15/1).


[Il Foglio del lunedì 18/01/10]

lunedì, gennaio 11, 2010

11/01 - Abstracts

SUICIDI Il 5 gennaio Neha Sawant, indiana, 11 anni, si è impiccata con una sciarpa di seta nella sua cameretta. In India, lo stesso giorno, si sono suicidati anche altri due ragazzi. Neha, che in lingua hindi significa “amore”, non ha spiegato il motivo del suo gesto ma è sicuro che lo abbia fatto perché i genitori si sono opposti alla sua carriera televisiva. Ballerina provetta, era la più brava di un gruppo di danzatori che si esibivano a Mumbai e aveva partecipato a tre reality show di danza in televisione. La sua aspirazione era recitare a Bollywood, ma da poco i genitori avevano cominciato ad arginare le sue ambizioni per spingerla a concentrarsi sullo studio (Bruno Ventavoli, La Stampa 6/1).

SOPRAVVISSUTI Tsutomu Yamaguchi, giapponese, 93 anni, era un “hibakusha”, un sopravvissuto, l’unico vivente, al doppio bombardamento atomico giapponese che pose fine alla Seconda guerra mondiale. Allora ingegnere di Mitsubishi, il 6 agosto 1945 si era recato a Hiroshima per motivi di lavoro, e tre giorni dopo a Nagasaki, proprio in corrispondenza delle due atomiche. È morto il 4 gennaio, dopo aver lottato per mesi contro un tumore allo stomaco, la causa più frequente di morte dei sopravvissuti incluso suo figlio, scomparso nel 2005. In seguito ai bombardamenti a Hiroshima morirono 140.000 persone, a Nagasaki 74.000 (Anna Zafesova, Corriere della Sera 7/1).

CRESCERE Ida Giovanna Mantelli, classe 1881, il I maggio 1907 depositò la somma, allora ingente, di 100 lire sul libretto di risparmio numero 0069 acceso presso la Banca Popolare di Sampierdarena (agenzia di Bolzaneto) con interesse bancario del 3,50% netto. Il 7 giugno 1984, a 103 anni compiuti, Ida morì, nominando con un testamento olografo erede universale la pronipote Umiltà Morazzini, classe 1927, originaria di Siena. Il 20 agosto 2001 morì anche Umiltà, lasciando eredi i due figli Aldo e Maria Grazia. Nel settembre 2009 Aldo ha ritrovato in un cassetto della casa della pro-prozia il libretto bancario del 1907 con le 100 lire depositate. Fratello e sorella ne hanno calcolato l’attuale valore: oltre 500.000 Euro. I due hanno deciso di agire legalmente per recuperare la somma alla Banca d’Italia (Agi.it 5/1).

MALATI A novembre 2009 le giornate di assenza per malattia dei docenti italiani sono state 822mila, in forte aumento rispetto alle 500mila dello stesso mese del 2008. Il caso più eclatante quello dell’istituto superiore di Marsciano, in provincia di Perugia, dove le assenze a novembre hanno raggiunto il 41%. All’istituto superiore Failla Tadaldi di Castelbuono, in provincia di Palermo, e alla direzione didattica Savona-Chiavella, in provincia di Savona, si è superato il 20%. Dal 7 gennaio è entrato in vigore il decreto voluto dal ministro Renato Brunetta: chi si ammalerà dovrà essere reperibile per sette ore, dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18, e non più solo per quattro (Salvo Intravaia, la Repubblica 8/1).

MALATTIE In Italia sono state appena censite 435 patologie rare, quelle che colpiscono meno di cinque persone su 10mila. La ricerca è stata effettuata esaminando le cartelle cliniche di 66.491 pazienti. Secondo l’Oms nel mondo queste patologie sono circa 5mila (Maria Pirro, Panorama 14/1).

COLORI Harlem, celebre quartiere “black” a nord di Manhattan, è sempre più bianco: sui 126.000 abitanti del 2008, solo il 62% è di pelle nera (77.000 persone). Nel 2008 i bianchi erano 13.800, 18 anni prima, nel 1990, erano 672, nel 2000 erano 2.200. In seguito all’invasione dei bianchi, molte famiglie nere abbandonano il quartiere, e il ricambio è facilitato dal fatto che pochissimi neri sono proprietari di case in loco, e tre quarti di loro vivono in affitto. Nel quartiere è calato anche il tasso di criminalità: da 8.000 reati gravi ogni anno a meno di 2.000 (Vittorio Zucconi, la Repubblica 7/1).

LINGUE Il linguaggio dei ciechi, il Braille, è in via d’estinzione. Colpa delle nuove tecnologie legate al computer, come la speciale tastiera che dialoga col pc e i programmi di videoscrittura che riproducono a voce la scrittura. Il braille è stato inventato due secoli fa dal francese Louis Braille e viene insegnato e imparato soprattutto nei Paesi occidentali più ricchi, dove c’è una maggiore sensibilità sociale verso i ciechi. La scomparsa di questo linguaggio porta con sé due controindicazioni: la perdita di valore della lettura e il minor numero di stimoli mentali che comporta l’uso del computer rispetto all’apprendimento della lingua braille, che aumenta la proattività della persona (Francesco Vergani, Italia Oggi 7/1).

LEGGENDE La mitica città di Eldorado esiste davvero e si trova nel bacino settentrionale del Rio delle Amazzoni, sul confine fra Brasile e Bolivia. È stata individuata grazie a immagini satellitari e a foto aeree, che hanno immortalato più di 200 giganteschi disegni geometrici, che si estendono per oltre 250 chilometri quadrati. La civiltà di Eldorado si sarebbe sviluppata fra il 200 e il 1283 dopo Cristo, sopravvivendo forse fino all’arrivo dei conquistadores nel Cinquecento (Enrico Franceschini, la Repubblica 7/1).

VIOLINI Donggaocun (Cina) è la citta dei violini: vanta nove fabbriche, oltre 150 officine e produce 300.000 viole e violoncelli. Quindici anni fa Chen Zuhua decise di mettersi a fabbricare archi. Partì per l’Italia, imparò il mestiere e tornato in Cina aprì la Beijing Dual Joy, che oggi produce sessantamila violini l’anno. «Ne ho comprato uno e poi ho acquistato anche parecchi manuali. Nessuno nella mia azienda ne aveva mai costruiti prima». A Donggaocun si produce un terzo dei violini confezionati in tutto il mondo, di ottima qualità: in legno tibetano, fatti a mano, con estrema attenzione per i dettagli, buona sonorità e prezzo accessibile. Ma in Cina scarseggiano i violinisti: così il governo ha deciso di incoraggiare gli studenti a studiare musica (Lastampa.it 4/1).

COMPULSIVI Gli italiani che soffrono di shopping compulsivo sono il 5% della popolazione, con una crescita del 10% in dieci anni. La fascia d’età più colpita va dai 18 ai 45 anni, e il sesso più colpito è quello femminile (85%). Ma gli uomini sono in aumento: più 6% in 20 anni. Lo shopping compulsivo è stato riconosciuto come vera e propria disfunzione dall’American Psychiatric Association nel manuale Dsm-IV, manuale di patologie mentali accreditato a livello internazionale (Alessandra Retico, la Repubblica 7/1).

PIRATI/1 Il 2009 è stato l’anno delle contraffazioni. I Nas hanno sequestrato pane fatto con farine diverse da quelle specificate nell’etichetta, olio di semi spacciato per extravergine d’oliva e tartufi cinesi spacciati per made in Italy. Oltre a carni contraffatte, marmellate, succhi e pomodori di terza categoria rispetto al marchio di primissima qualità. L’ultimo blitz risale al 30 dicembre: a Palermo è stata sequestrata una tonnellata di gamberoni congelati. Nel giro di tre mesi i carabinieri hanno sequestrato solo a Bari circa 21 tonnellate di prodotti alimentari non in regola per un valore complessivo stimato in 562.000 euro. Il fenomeno è chiamato “agropirateria” o “contraffazione alimentare”. Tra i prodotti più contraffatti c’è il pesce: può capitare che un pangasio, pesce del Sud-Est asiatico, sia spacciato per sogliola, e fatto pagare 35 euro al chilo anziché cinque, o che lo squalo sia venduto come pesce spada. Altri imbrogli: filetto di pesce palla al posto della rana pescatrice, anguilla al posto del capitone, passera di mare al posto della sogliola (Bepi Castellaneta e Enza Cusmai, Il Giornale 2/1).

PIRATI/2 In Francia in questi giorni entra in funzione la Hadopi (Haute autorité pour la diffusion des oeuvres et la protection des droits sur Internet), l’autorità che protegge il diritto d’autore su Internet applicando la regola del baseball «tre sbagli e sei fuori»: l’utente sorpreso a scaricare illegalmente un file è prima avvisato via e-mail, poi da una lettera scritta e, se insiste una terza volta, è convocato dal giudice. Ora in Europa stanno emulando i francesi: il 23 novembre scorso il Parlamento di Strasburgo ha approvato il “Pacchetto Telecom”, che permette la disconnessione da Internet a seguito di un processo. In Spagna i ministri dell’Industria Miguel Sebastian e della Cultura Ángeles González-Sinde vogliono aggiungere ai motivi che giustificano il blocco di un sito la violazione del diritto d’autore. In Gran Bretagna si sta discutendo il “Digital Economy Bill”, al quale si oppongono Google, Yahoo! e eBay. Le italiane Fimi, Afi, Siae e Univideo hanno dimostrato apprezzamento per la nuova legge francese (Stefano Montefiori, Corriere della Sera 5/1).


[Il Foglio del lunedì, 11/01/10]